10. September 2020

Kraken prevede che il Bitcoin si deprezzerà a settembre prima di riprendere la sua azione altamente volatile e imprevedibile di prezzo

Von admin

Kraken, rinomato centro di cambio di criptocambio statunitense, ha recentemente pubblicato il suo Bitcoin Volatility Report dell’agosto 2020, in cui afferma che il Bitcoin BTC, 0,73%, registrerà probabilmente una perdita a settembre prima di tornare alla „volatilità aggressiva“ nei mesi successivi.

Il Bitcoin di solito si comporta male a settembre

Il rapporto di Kraken osserva che, storicamente parlando, settembre è il mese di Bitcoin con la peggiore performance, dato che il prezzo del primo cripto del mondo è diminuito in media del 7% nel primo mese autunnale. Finora, sembra che il settembre di quest’anno non sarà diverso. Semmai, saremmo fortunati se il Bitcoin Era producesse solo una perdita del 7% questo mese, ha osservato il rapporto:

„Considerando la sottoperformance del Bitcoin quest’anno rispetto alle medie mensili, ci si potrebbe aspettare che il Bitcoin sia peggiore del ritorno medio di settembre (-7%) in quello che è il peggior mese record del Bitcoin“.

I trend di volatilità del Bitcoin indicano fluttuazioni aggressive nel prossimo futuro

Il rapporto di Kraken ha rivelato che durante i periodi storici di bassa volatilità, definiti „tasche soppresse“, sono stati spesso seguiti da periodi di massicce fluttuazioni dei prezzi. Il rapporto indica che il mercato potrebbe entrare nuovamente nel periodo di alta volatilità:

„Dodici volte in passato, la volatilità annualizzata di Bitcoin ha toccato il fondo tra il 15% e il 30% prima di salire, in media, al 140% e tornare a +196% in 94 giorni. A fine agosto sono passati 38 giorni dal minimo di volatilità del 23% fissato il 24 luglio, con una volatilità che è salita al 44% e un prezzo che ha guadagnato il 25%. Quindi, la storia indica che potremmo avere ampio spazio per una maggiore volatilità e guadagni nei mesi a venire“.

La correlazione di Bitcoin con le azioni e l’oro si è indebolita

Kraken ha anche descritto le tendenze della correlazione di Bitcoin con l’indice S&P 500 e l’oro. Mentre la correlazione tra il Bitcoin e l’S&P 500 ha quasi rivisitato gli alti livelli registrati a marzo del 28 agosto raggiungendo lo 0,84, gli attivi hanno dimostrato una correlazione di -0,02 a fine agosto, poiché l’S&P ha continuato a macinare più in alto e il Bitcoin è andato nella direzione opposta.

Una cosa simile è accaduta alla correlazione tra l’oro e la sua alternativa digitale, che ha raggiunto il massimo storico di 0,97 il 10 agosto, prima di scendere bruscamente a 0,25 entro la fine del mese.

La percentuale di BTC nelle mani dei possessori di titoli a lungo termine è al massimo storico

Anche se la previsione dei prezzi a breve termine sembra piuttosto triste per Bitcoin, il rapporto di Kraken fa luce alla fine del tunnel, rivelando che la percentuale di fornitura di BTC che non si è mossa per oltre un anno è ai massimi storici. Il rapporto afferma:

„Al 31 agosto, un record del 63% delle UTXO (Unspent Transaction Outputs) sulla catena di blocco Bitcoin non si è mosso in 1+ anno, indicando che un 63% senza precedenti di bitcoin minato è nelle mani dei detentori a lungo termine [o perso per sempre]“.

Kraken ha aggiunto che l’aumento della percentuale di Bitcoin in HODLed è stato storicamente seguito da un’encierro. Tuttavia, si dovrebbe prendere le previsioni di Kraken con un granello di sale, dopo tutto, sono proprio quello che dice il nome – previsioni. Gli analisti della società hanno anche previsto che il Bitcoin sarebbe aumentato del 50% al 200% in agosto, cosa che, come si può vedere, non è mai successa.